Catanzaro: Confindustria, lavoro al minimo storico in Calabria


Sono tristissimi i dati che emergono dal Rapporto sull’Economia calabrese relativamente al 2012 e al primo trimestre 2013, realizzato da Confindustria Cosenza e che sarà presentato domani. Nel primo trimestre del 2013 il tasso di occupazione ha raggiunto il suo minimo storico, sia in Calabria (38%), che nel Mezzogiorno (42%) ed in Italia (55%). E’ il valore più basso degli ultimi otto anni. In Calabria solo 38 persone su 100, in età lavorativa, ha un lavoro, mentre ve ne sono 64 su 100 al Nord. Il tasso di occupazione per i lavoratori della fascia di età compresa tra i 18 ed i 29 anni è diminuito in Calabria di quattro punti percentuali, tra il 2008 ed il 2012. Solo un giovane su quattro ha un’occupazione in Calabria, mentre al Nord è un giovane su due. In calo anche l’occupazione industriale, mentre aumenta il numero di ore concesse di cassa integrazione straordinaria. Nel primo trimestre 2013 la forza lavoro regionale è aumentata di 4.000 unità (+6%) ed il livello della disoccupazione in Calabria ha raggiunto le 168.000 unità, ovvero 35.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2012 (+27%). Le esportazioni calabresi, cresciute soltanto dello 0,1%, sono rimaste sostanzialmente stabili.

Potrebbero interessarti anche...