Catanzaro: aveva ucciso consuoceri, si suicida in carcere

Si è suicidato nel carcere di Catanzaro, Francesco Beniamino Cino, 66 anni, l’uomo che nel giugno scorso ha ucciso i consuoceri e ferito la nuora a San Vincenzo La Costa e a Montalto Uffugo. L’uomo si è tolto la vita impiccandosi all’interno della sua cella. Il 29 giugno scorso Cino, armato di una pistola calibro 7.65, sparò prima alcuni colpi contro la nuora, che rimase gravemente ferita. Poi si recò nell’abitazione dei consuoceri e uccise il padre della donna, Franco Cariati e la moglie di quest’ultimo, Anna Greco. Cino avrebbe deciso di compiere il duplice omicidio perchè non sopportava la separazione tra la nuora ed il figlio. Ci sarebbe stato anche un motivo d’interesse, legato alla proprietà di un’abitazione. Nella stessa serata del 29 giugno, l’omicida si consegnò ai carabinieri. Nelle settimane scorse Cino era stato sottoposto ad un intervento chirurgico a causa delle sue precarie condizioni di salute. Poi, evidentemente, è stato colto da uno stato depressivo che lo ha portato alla decisione di farla finita. In quel momento all’interno della sezione detentiva del carcere di Catanzaro c’era un solo poliziotto penitenziario, a causa della grave carenza di personale, sottolineano dal Sappe, il Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria. I difensori dell’uomo hanno preannunciato l’intenzione di presentare a riguardo un esposto alla Procura della Repubblica.

Potrebbero interessarti anche...