Catanzaro: arresti politici di Rende, Principe resta ai domiciliari

L’ex sottosegretario Sandro Principe, del PD, resta agli arresti domiciliari. Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha infatti rigettato l’istanza di scarcerazione presentata dai suoi legali. Principe è stato arrestato dai carabinieri il 23 marzo scorso, nell’ambito dell’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro sui suoi presunti rapporti con la cosca di ‘ndrangheta dei Lanzino-Ruà. Nella stessa operazione erano stati arrestati alcuni amministratori del Comune di Rende, Pietro Ruffolo, Giuseppe Gagliardi e Umberto Bernaudo, l’ex consigliere regionale Rosario Mirabelli e Marco Paolo Lento, che oggi sono stati invece rimessi tutti in libertà.

Potrebbero interessarti anche...