Castrovillari: contraffazione, sequestrato detersivo “falso”

Sequestrate più di 11 tonnellate di detersivo contraffatto, e recante il brand di una nota marca, 53 tonnellate di materie prime e un capannone industriale. Tre persone sono state arrestate e due denunciate. E’ il bilancio dell’operazione “Bianco di fino”, messa a segno dalla guardia di finanza di Rossano, coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, che ha scoperto e sequestrato un opificio industriale destinato alla produzione e confezionamento di detersivo contraffatto. I reati contestati sono: contraffazione, turbata libertà dell’industria e ricettazione. All’interno del capannone industriale i baschi verdi hanno scoperto, intenti alla produzione e al confezionamento del detersivo, tre romeni. Le successive perquisizioni hanno permesso di sequestrare migliaia di fustini già pronti per la commercializzazione, beni strumentali e materie prime utilizzate per la produzione delle sostanze destinate alla vendita. Tra queste c’erano una miscela fatta di detersivo di qualità scadente, sale fino da cucina e attrezzature per il confezionamento dei falsi fustini. Le indagini hanno consentito di risalire anche alla rete distributiva, che interessava 7 regioni e 17 provincie italiane.

Potrebbero interessarti anche...