Calanna: sanguinoso agguato, ucciso un impiegato comunale

Ha cercato disperatamente di sfuggire al suo assassino, che deve aver visto appena dopo questa curva. Per questo avrebbe ingranato la retromarcia e poi, a folle velocità, si è schiantato sul muro di roccia che costeggia la strada di montagna che dal quartiere reggino di Gallico porta al centro aspromontano di Calanna. E’ morto così, Domenico Princi, 41 anni, impiegato dell’ufficio tecnico del Comune di Calanna. Come tutte le mattine, Princi si stava recando al lavoro, a bordo della sua automobile, e stava percorrendo la solita strada, all’orario abituale. Non deve essere stato difficile per chi lo conosceva tendergli un agguato. Contro di lui sono stati sparati almeno tre colpi di fucile calibro 12 caricato a pallettoni. E poi il suo carnefice si è anche avvicinato all’auto, sparando un ultimo colpo di grazia. Ma probabilmente Domenico Princi era già morto. Il sicario si è poi allontanato, forse a bordo di un’auto. E forse con qualche complice. Princi era incensurato e non aveva mai avuto problemi con la giustizia. A Calanna lo descrivono come una persona tranquilla e sempre cordiale con tutti. Lascia la moglie e un bimbo di soli tre anni. I carabinieri, al momento, non escludono nessuna pista.

Potrebbero interessarti anche...