Bagnara Calabra: fa un volo di 185 metri, ma è salvo


Doveva scegliere se essere arrestato o tentare la fuga. Ha preferito quest’ultima scelta e si è gettato oltre il guardrail. Ma non ha considerato che era su un viadotto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria. E così ha fatto un volo di ben 185 metri. Eppure si è salvato. Il protagonista di questa singolare vicenda è Antonino Di Mauro, 44 anni, di Catania, che era in compagnia del fratello Maurizio, 42 anni. I due, nella notte, si erano fermati lungo l’autostrada, nel territorio di Bagnara Calabra, nei pressi di un presidio di emergenza dei Vigili del Fuoco, dell’Anas e della Polizia Stradale. Proprio i poliziotti, avendo visto l’auto ferma, si sono avvicinati per chiedere se i due siciliani avevano bisogno di aiuto. I due erano nervosi, tanto che è stato effettuato un controllo dell’auto e sono state trovate ben 175 dosi di eroina. Alla scoperta, Antonino Di Mauro è scappato, gettandosi nel buio, pensando di saltare in una siepe. Invece sotto di lui c’era uno strapiombo di 185 metri. L’uomo è rotolato lungo il pendio per finire la sua corsa nel greto di un torrente. Per recuperarlo sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco, che lo hanno imbracato e tirato su con una barella, dopo tre ore di lavoro. Adesso Antonino Di Mauro, che ha solo riportato fratture e contusioni giudicate guaribili in 30 giorni, si trova piantonato in ospedale. Il fratello è già in carcere.

Potrebbero interessarti anche...