Palmi-San Ferdinando: la visita del Ministro dell’Interno Salvini


A parlare è un cassintegrato del porto di Gioia Tauro. Ascoltare parole come queste, rivolte ad un ministro della Lega, sarebbe stato impossibile solo qualche anno fa. Ma Matteo Salvini ha saputo rassicurare i disoccupati che lo acclamavano, non declinando neanche l’invito a fare insieme delle foto. A Palmi, la prima tappa della sua lunga giornata calabrese, per consegnare alla polizia un immobile confiscato alla ‘ndrangheta, che sarà la sede del nuovo Commissariato. Salvini ha ribadito il suo impegno anche per risolvere la problematica dell’immigrazione. “Risultati subito”, ha detto il Ministro dell’Interno, che chiederà all’Europa soldi, uomini e tempi certi. Matteo Salvini si è poi spostato a San Ferdinando, dove ha visitato due delle tre tendopoli, intrattenendosi anche con alcuni migranti. E sarà massimo anche l’impegno perché nessuno sia più sfruttato. Infine, una veloce tappa a Scilla, per ricordare due appuntati dei carabinieri uccisi dalla ‘ndrangheta. Salvini ha voluto parlare con le vedove dei militari.

Potrebbero interessarti anche...