Reggio Calabria: ‘ndrangheta, arresti per traffico internazionale droga


I carabinieri hanno arrestato, nel corso dell’operazione “Mauser” e in collaborazione con agenti olandesi e tedeschi, 16 persone. I provvedimenti riguardano appartenenti alla cosca di ‘ndrangheta dei Cacciola di Rosarno, accusati a vario titolo di traffico internazionale di cocaina, sequestro di persona e riduzione in schiavitù. Determinanti sono state le rivelazioni di una pentita, Giuseppina Multari, legata da vincoli familiari con gli stessi vertici della cosca, dai quali era stata ridotta in schiavitù. Alla donna, secondo quanto riferito dai carabinieri, veniva attribuita la colpa del suicidio del marito, appartenente al gruppo criminale, avvenuto per circostanze mai del tutto chiarite. Il gruppo Cacciola è collegato alla cosca madre dei Pesce, che ha registrato nella sua storia altre due donne pentite, Maria Concetta Cacciola, suicidatasi con l’acido muriatico, e Giusy Pesce, che vive oggi in una località protetta.

Potrebbero interessarti anche...