Cosenza: una panchina rossa per le donne vittime di violenza


Una panchina rossa, nel cuore dell’isola pedonale di Cosenza. Un posto in cui sedersi, riflettere e pensare. Un simbolo per alzare l’attenzione contro la violenza sulle donne nel giorno in cui ricorre la giornata mondiale. La panchina rossa, donata da Caffè Aiello, ricorda innanzitutto Maria Rosaria Sessa, la giornalista calabrese di 27 anni uccisa nel 2002 dall’ex fidanzato. E’ stata collocata tra corso Mazzini e Piazza Bilotti, uno dei luoghi più attrattivi della città, e vuole essere un messaggio forte per quanti passano e si fermano: ricordare a tutti che la bellezza può salvare il mondo da ogni forma di violenza. All’iniziativa, promossa dal Circolo della Stampa di Cosenza e patrocinata dall’Amministrazione comunale, hanno partecipato, oltre alle autorità politiche, militari e istituzionali del territorio, anche i genitori e i fratelli di Maria Rosaria Sessa. La cerimonia è stata resa ancora più emozionante dal lancio di tanti palloncini rossi e dagli intermezzi musicali a cura del coro polifonico del Liceo Musicale “Lucrezia della Valle” di Cosenza.

Potrebbero interessarti anche...