Vibo Valentia: furti di mezzi e riciclaggio, 9 misure cautelari


La polizia stradale di Vibo Valentia, insieme ai colleghi del Compartimento polizia stradale di Catanzaro e Milano, della sezione di polizia stradale di Brescia e delle sottosezioni autostradali di Lamezia Terme e Palmi, hanno eseguito 9 provvedimenti restrittivi per associazione a delinquere finalizzata ai furti di mezzi di cantiere di ingente valore per il successivo riciclaggio. Si tratta di 7 arresti, di cui 3 in carcere, e di due obblighi di dimora. Le ordinanze sono state emesse dalla procura della Repubblica di Palmi nei confronti di persone domiciliate nel vibonese, nella Piana di Gioia Tauro, nel bresciano e nel milanese. Nove i mezzi di cantiere, in particolare escavatori ed altri mezzi per il movimento terra, per un valore di oltre un milione di euro, recuperati dalla polizia stradale e restituiti ai proprietari. L’operazione è stata denominata “Lince rossa”, visto che la lince rossa è detta anche “bobcat”, che è anche il nome di una piccola scavatrice. Decisivi, per il buon esito dell’indagine, sono stati i riscontri bancari sui pagamenti dei veicoli taroccati, effettuati da ignari acquirenti, anche dall’estero, con assegni e bonifici collegabili all’organizzazione.

Potrebbero interessarti anche...