Castrovillari: tragedia torrente Raganello, sette indagati


Sette indagati, e potrebbero non essere gli unici, nell’inchiesta che la Procura di Castrovillari ha aperto dopo la tragedia del 20 agosto, quando, a Civita, 10 persone sono morte per un’ondata di piena nelle gole del torrente Raganello. La Procura ipotizza i reati di omicidio colposo e lesioni colpose, inondazione colposa ed omissione di atti d’ufficio. Indagati i sindaci di Civita, San Lorenzo Bellizzi e Cerchiara, il presidente del Parco Nazionale del Pollino, un dirigente dei Carabinieri Forestali e due guide. Il procuratore ha annunciato nuovi rilievi nelle gole. Le gole resteranno ancora, e a lungo, chiuse. L’accaduto sarà ricostruito grazie alla realtà virtuale. Si spera così di poter fare piena luce sull’accaduto. Per dare risposte concrete alle famiglie delle vittime e anche a chi si è salvato, ma ricorderà per sempre quella terribile giornata. Gli indagati, da parte loro, si dicono estranei alle responsabilità. E vogliono collaborare con la Procura.

Potrebbero interessarti anche...