Villapiana: ‘ndrangheta, ucciso presunto esponente cosche Sibaritide


Era davanti ad un ristorante, a Villapiana Lido. E c’erano anche altre persone che hanno assistito alla scena. Un’auto di grossa cilindrata si è avvicinata e dalla vettura sono partite numerose raffiche di mitra e colpi di pistola. Sono almeno una trentina i bossoli rimasti a terra. E’ così che è stato ucciso Leonardo Portoraro, presunto boss della Sibaritide. Aveva 63 anni. L’uomo, originario di Cassano Ionio, risiedeva da molti anni a Francavilla Marittima. Negli anni ’80 avrebbe fatto parte del clan Cirillo. Un suo fratello, Giovanni, venne ucciso, quando aveva 34 anni, in un agguato compiuto nel 1992 a Cassano. Il delitto fu inquadrato nella guerra di mafia tra le cosche attive all’epoca nella zona. Sulla morte di Leonardo Portoraro, coinvolto in passato in diverse inchieste di ‘ndrangheta, indaga adesso la Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro. Si teme adesso una recrudescenza criminale nella zona.

Potrebbero interessarti anche...