Reggio Calabria: ‘ndrangheta, arresti per omicidio a Platì

Sette persone sono state arrestate con l’accusa di omicidio per i fatti legati alla faida di ‘ndrangheta di Platì tra le famiglie Marando e Trimboli, che tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 portò all’uccisione di cinque persone. La misura cautelare è stata emessa a conclusione di complesse indagini dei carabinieri del Ros svolte con l’ausilio della stazione carabinieri di Platì e dei Cacciatori di Calabria, che hanno consentito di riscontrare come Pasquale Marando, capo dell’omonima ‘ndrina attiva tra Platì ed il Piemonte, irreperibile dal 2002, fu vittima di omicidio, con occultamento del cadavere, commesso nel gennaio di quell’anno da esponenti della famiglia Trimboli che agirono con l’autorizzazione di Rosario Barbaro, capo della locale di ‘ndrangheta di Platì, quest’ultimo animato dall’intento di ridimensionare i Marando, che insidiavano la sua leadership. Nel corso della sanguinosa faida si registrarono anche tre casi di lupara bianca.

Potrebbero interessarti anche...