Cosenza: picchia la convivente, arrestato un trentaseienne

Un uomo di 36 anni è stato arrestato dalla polizia, a Cosenza, per violenza privata e maltrattamenti in famiglia. La vittima è la sua convivente, che ha riportato diverse contusioni al viso e sul corpo, e anche un trauma cranico, sebbene leggero. L’epilogo della loro storia è avvenuto tra ieri ed oggi. L’arrestato, nel pomeriggio di venerdì, aveva picchiato la donna, obbligandola poi a restare con lui durante la notte e togliendole anche il telefonino. All’alba la donna, dopo che l’uomo si era finalmente addormentato, è però riuscita a scappare. Fermando un automobilista per strada, ha chiesto un passaggio e ha trovato rifugio a casa della madre. Il convivente, svegliatosi e accortosi che lei non era in casa, l’ha però rintracciata nell’appartamento della mamma, dove l’ha minacciata di morte, lanciando pietre verso il balcone dell’abitazione e tentando di sfondare il portone d’ingresso. E’ allora che è stato allertato il 113. L’uomo è fuggito, ma è stato rintracciato, nel pomeriggio, presso la stazione ferroviaria di Vaglio Lise, in procinto di prendere un treno per Paola. Ed è stato arrestato.

Potrebbero interessarti anche...